martedì 25 luglio 2017

Salone Internazionale del Libro di Torino 2017: la mia esperienza

Buongiorno a tutti carissimi lettori! Come state? Spero che vada tutto bene, compresa l'estate! Oggi sono qui per riportarvi un'esperienza bellissima che ricorderò per sempre nella mia vita di lettrice. Sto parlando del Salone Internazionale del Libro di Torino!!! Cool, right?!
Ps: non fatevi spaventare dalla lunghezza del post, sono le immagini che rendono l'articolo così lungo(!).


martedì 27 giugno 2017

Sono tornata! & Recensione: Questo non è amore di La 27esima ora

I'M BAAACK!!! Come state miei carissimi lettori? Finalmente sono tornata per vostra (s)fortuna sulla blogosfera e sono carichissima. Non posso mentirvi: ho letto poco, ma ho letto libri di spessore e, in più, ho ampliato i miei orizzonti, in relazione ai libri di spessore. Ma questa è un'altra storia che vi racconterò a brevissimo. E' stato un periodo abbastanza intenso. Fondamentalmente avevo messo in paura il blog perché non avevo tempo per postare, né per leggere perché siccome questo è stato il mio ultimo anno di liceo (a giorni ho l'orale, pregate per me) non volevo assolutamente togliere tempo allo studio e quindi ho messo un po' tutto da parte. Ma ora che ho più tempo libero, posso ritornare a leggere e cavolo, quanto mi è mancato! Posso ritornare a leggere e quindi a scrivere per voi, perché sì, mi è mancato anche scrivere. 
Iniziamo questa estate e questo ritorno sul blog con una recensione di un libro che ha trattato una tematica a me molto cara. Spero vi piaccia, buona lettura.

giovedì 23 febbraio 2017

Giveaway winner & Avviso blog!


Buonasera lettori! Oggi sono passata sul blog per due avvisi super veloci! Purtroppo sono sommersa dallo studio e quando ho un po' di tempo mi dedico al mio romanzo, quindi non riesco a trovare lo spazio per tutto. Il blog ne sta risentendo parecchio e non mi va di pubblicare a singhiozzo, è per questo che lo metterò in pausa per un po' di tempo, forse un paio di mesi, ma non di più (spero). Vorrei di nuovo concentrarmi sulla storia che sto scrivendo e non riesco a bilanciare tutto quindi, invece di forzarmi ho pensato di staccare un po' e di ricaricarmi.
Questo è il primo avviso. Il secondo vi farà piacere perché Martedì è finito il mio Giveaway ed è ora di scegliere due vincitori! Iniziamo con il primo, rullo di tamburi...

La prima vincitrice è... ROBERTA BUONOMO!!!

Complimenti Roberta, hai vinto una copia di The danish girl di David Ebershoff e una copia di Will ti presento Will di David Levithan & John Green!
Roberta, ti contatterò quanto prima per inviarti i libri e per avere il tuo indirizzo; grazie mille per aver partecipato!

La seconda vincitrice è... TINDARA!!!

Complimenti Tindara, hai vinto sette libricini della Newton Compton Editori di autori vari!
Tindara, in particolare, ti chiedo di scrivermi la tua mail nei commenti, o di inviarmi direttamente tu una mail, perché non riesco a riconoscere la tua mail (forse perché hai nomi diversi nella mail, non so), così da poter comunicare. (ma quante volte ho scritto la aprola "mail", bah)

Bene patati, il post di oggi finisce qui. In tutta sincerità sono un po' dispiaciuta perché non eravamo in tanti a partecipare, *mette il broncio* ma spero che al prossimo giveaway ne saremo molti di più, così da rendere il gioco molto più divertente e interessante! Alla prossima, lettori! Vi ricordo che resterò attiva su Instagram per rompere un po' le scatole e per aggiornarvi comunque sulla mia vita letteraria. Baci baci!!

venerdì 10 febbraio 2017

Recensione: Ti darò il Sole di Jandy Nelson

Buonasera personcine bellissime! Come state? Io sempre un po' in ansia per la scuola e la vita in generale...
Ma non vi voglio ammorbare oltre. Oggi vi posto una recensione di un libro che mi ha distrutto tanto era bello e perfetto. Sto parlando di Ti darò il Sole di Jandy Nelson.
Vedete più in dettaglio cosa ne penso!

Autore: Jandy Nelson
Titolo: Ti darò il Sole
Editore: Rizzoli
Trama: Solo un paio d'ore dividono Noah da Jude, ma a guardarli non si direbbe nemmeno che sono fratelli: se Noah è la luna, solitaria e piena di incanto, Jude è il sole, sfrontata e a proprio agio con tutti. Eppure i due gemelli sono legatissimi, quasi avessero un’anima sola. A tredici anni, su insistenza dell’adorata madre stanno per iscriversi a una prestigiosa accademia d’arte. Tecnicamente è Noah ad avere il posto in tasca – è lui quello pieno di talento, il rivoluzionario, l’unico che nella testa ha un intero museo invisibile – e invece in un salto temporale di tre anni scopriamo che è Jude ad avercela fatta, ma anche che i due fratelli non si parlano più, che Noah ha smesso di dipingere, che si è normalizzato, e che Jude si è ritirata dal mondo che tanto le calzava a pennello. Cos’ha potuto scuotere il loro legame così nel profondo? In un racconto a due voci e a due tempi, Noah e Jude ci precipitano tra i segreti e le crepe che inevitabilmente si aprono affacciandosi all’età adulta, ma anche nelle coincidenze che li risospingono vicini, laddove, forse, il mondo può ancora essere ricucito.
Se mi seguite anche su Instagram avrete già capito che vado pazza per questo libro e mi sono bastate all'incirca tre righe per vedere la magnificenza di questo libro. Ti darò il Sole è come il sole che sorge: più lo leggevo, più lo scoprivo, più diventata brillante, accecante, lucente. E' qualcosa di nuovo, qualcosa che non ho mai letto prima, qualcosa dell'altro mondo.
Più lo leggevo più mi rendevo conto che questa storia era la dolcezza fatta libro. Ma non quella dolcezza smielata, ma quella che è rara, quella pura, che si rivela poco a poco, perché in un primo momento nascosta. E' una storia in cui non si parla solo di persone, si parla anche di sentimenti detti, non detti, nascosti, urlati, sussurrati e gridati a labbra chiuse. Questo libro è un'onda contro una scogliera: Noah e Jude sono due onde contro una scogliera piena di pietre affilate che è la vita.
E' il trionfo dei sentimenti, delle cadute, delle spaccature. I personaggi sono divisi, spezzati, incompleti, guasti. Questo libro parla di lontananze: lontananze reversibili e irreversibili. Dei muri che le persone si costruiscono attorno perché hanno paura, timore. Dei muro che tengono lontano le persone, dei muri che però possono essere distrutti, abbattuti. Di persone che si incontrano, si scagliano, si uniscono e si dividono. Di sentimenti nati, nascosti, negati, urlati nel silenzio, esasperati, difficili da accettare. E' una storia che ti distrugge, fin dentro il cuore. E' una storia che racconta di personaggi rotti, scheggiati,; personaggi distrutti che dentro hanno la tempesta, cocci rotti, specchi scheggiati e mille raggi di Sole splendenti. E' una storia che ti rompe, ti scheggia, ti distrugge.

Eppure se ripenso a questo libro e a quello che ho scritto all'inizio della recensione, forse mi sbaglio, perché Ti darò il Sole mi ricorda un altro libro che mi ha distrutta come questo. Sto parlando di Il rumore dei tuoi passi di Valentina D'Urbano. Forse ho detto una stupidaggine grande quanto il pianeta Terra, però non so... ci sono così tante somiglianze: i personaggi rotti dentro, lo stile poetico, gli eventi narrati che spezzano il cuore... Voi che dite? 4 cuoricini e ½
Fagiolini fatemi sapere cosa ne pensate. Il post di oggi termina qui; spero vi sia piaciuto! Arrivederci e buon proseguimento di giornata!

giovedì 9 febbraio 2017

January Wrap Up

Buonasera lettori! Come state? Io sempre incasinata. Lo studio mi sta totalmente assorbendo. Pensate che ho finito La Biblioteca delle Anime di Ransom Riggs giorni fa e non ho ancora avuto il tempo di iniziare La Terza Luna di Barbara Baraldi; ma ora l'ho messo sul mio comodino/ scrivania quindi stasera si inizia a leggere! Anche perché solo oggi mi sono liberata un po', per questo pubblico (gli scorsi giorni, non avevo manco acceso il computer...!). Cavolo, se faccio così e sto solo al quinto anno di liceo, quando andrò all'università, che succederà? Non ci voglio neanche pensare...
Oggi con mooolto ritardo, vi presento la rubrica mensile dei libri letti questo mese: vai con il Wrap Up!
Primo libro dell'anno. Cavolo se l'ho iniziato bene quest'anno. Ricordo che la notte di Capodanno, erano tutti a festeggiare, e poi c'ero io, a leggere Ti darò il Sole. Sembra triste visto da una prospettiva di un non-lettore (o forse anche dalla prospettiva di un lettore, non so), fatto sta che è stata una lettura unica e meravigliosa. Ho fatto la recensione di questo che vi posterò a mooolto breve. Quindi stay tuned! Non vi voglio dire molto, solo che sono davvero contenta di aver letto questo libro, e pensare che anche per questo libro ero titubante. Però dopo tutte le recensioni positive in giro per l'Internet, non potevo non provare a leggerlo. Che dire, l'ho amato... okay, basta, non dico più nulla, che poi nessuno mi legge la recensione uff!


Questo libro è stato un parto, miseriaccia. Era una lettura scolastica, che poi potevo anche non leggerlo, ma va be'. Sono stupida io che faccio troppo affidamento sulle parole dei miei professori. Pieno di parolacce, volgarismi e leggermente/ più che abbastanza erotico, il Satiricon è stata una lettura un po' confusa perché il testo ci è pervenuto molto frammentario e quindi una lettura lenta che però facevo senza sforzarmi e con tranquillità avendo il pdf sul cell, quindi lo leggevo quando capitava. Però intendo comprarmi questa edizione (prima o poi). La storia in sé è anche "carina", se però fosse stata un po' più... non so, normale(?) mi sarebbe piaciuta molto come lettura. Anche se c'è da dire che il Satiricon è molto importante dal punto di vista storico, quindi non dico più niente di negativo, perché è una cosa abbastanza figa a pensarci: ho letto un libro scritto da un antico autore romano, wow.


Questa è stata una rilettura, perché in vista di un compito, non mi ricordavo più la trama nel dettaglio e quindi l'ho riletto. Per vostra informazione è lo stesso compito che ha coinvolto il Satiricon qui sopra. A differenza però di quest'ultimo, Amore e Psiche è stata una dolcissima lettura. Come con il Satiricon, mi sono immaginata se l'opera fosse stata ampliata e raccontata più nel dettaglio, magari da un autore di oggi, sarebbe venuto un romanzo bellissimo. Vi giuro, ci penso davvero a queste cose! Anche se però non è così, l'opera si presenta una elttura leggera e piacevole e cosa più importante di tutte, ci è pervenuta tutta intera.


Altra lettura super dolcissima e piacevolissima. Di Wonder ho fatto la recensione che vi posterò prossimamente. (Ragazzi capitemi, non vi posso postare le recensioni tutte subito, una dopo l'altra. Sono tempi in cui non leggo molto e quindi mi tengo le recensioni per i mesi di "magra") Wonder è stata una bella lettura, adatta sia ai bambini, sia ai più grandicelli. Pervasa da un dolce senso dell'umorismo che però fa riflettere, Wonder è una lettura che tutti dovrebbero fare. Una semplice storia, che fa anche ridere in dei momenti, ma che cela grandi significati e lezioni che non tutti al giorno d'oggi hanno imparato.

Ultima lettura fatta, ultimo pianto anche. Il viaggio si è conclusa, l'avventura è terminata e io non voglio dire altro, perché anche di questo libro ho fatto la recensione che vi pubblicherò prossimamente. Uniche tre parole che dovrete farvi bastare: l'ho. amato.
Ps: sulla mia libreria sta un'amore questa trilogia!





Bene lettori. Il post di oggi finisce qui. Io vi ricordo che sul mio blog è in atto il Giveaway per festeggiare il secondo compleanno del mio angolino. Ho messo in palio dei libri abbastanza carini a parer mio per due vincitori. Quindi cliccate su questo link o su quello sopra e partecipate che mi fa tanto piacere se lo fareste! Arrivederci e buon proseguimento di serata a tutti!