martedì 8 settembre 2015

Recensione: Four di Veronica Roth

(N.B. Ci tengo a precisare che né questa, né altre recensioni hanno spoiler, quindi potrete leggerle tranquillamente)
Buon lunedì marshmallow! Come sta andando il rientro a scuola? Tutto bene? Vi confido un segreto: mi piacerebbe parlare tantissimo con voi che leggete i miei post. Siamo ancora pochi, ma vi invito a far parte di questo blog così potremmo crescere e confrontarci sulle letture e discuterne insieme e fangirlare insieme sui personaggi più hot... (si Jace, Quattro, Daemon Black... sto parlando di voi, pff) E magari scambiarci qualche libro, chi lo sa. Oggi ho il piacere di postarvi la recensione di un libro che mi ha colpito tantissimo, di un'autrice davvero brava che merita tanto. Sto parlando di Four di Veronica Roth...!


Autore: Veronica Roth
Titolo: Four (Divergent #0.1 - 0.4)
Editore: De Agostini
Prezzo: €14.90
Pagine: 284
Rilegatura: copertina rigida con sovraccoperta
Trama: Quando per Tobias, il figlio sedicenne del leader degli Abneganti, arriva il giorno della scelta, il ragazzo non ha dubbi: vuole passare negli Intrepidi, perché questa è la sua unica possibilità di allontanarsi dal padre violento. Quattro - questo è il nome che si è dato - può iniziare così la sua nuova vita, con l'obiettivo di sconfiggere tutte le sue paure... Il percorso da fare è ricco di soddisfazioni, ma anche pieno di ostacoli e solitario, almeno fino a quando non fa la sua comparsa una ragazza davvero speciale.



Questo libro mi ha distrutta. È la prima cosa che mi viene in mente quando ci ripenso. L'ho divorato in un paio di giorni e pensare che non sapevo se comprarmelo o  meno... Quattro è il personaggio più ben costruito di cui io abbia mai letto: è, dir la verità, un personaggio costruito in modo magistrale. Se mi dicessero che è una persona reale di certo non mi stupirei, perché questo è così reale che stento quasi a credere che sia solo finzione.
Lo stile è maggiormente descrittivo, ma mio Dio credetemi quando vi dico che non vi annoierete perché, specialmente quando ci raccontava delle violenze subite dal padre, mi uccideva. Mi straziava. Di Quattro vengono presentati tutti gli aspetti, l'autrice c'è lo fa conoscere in modo quasi intimo; niente è lasciato al caso, perché Quattro affronta di tutto e ogni cosa ci è raccontata con una intensità che non si trova in tutti i libri. Inutile dire che non è pesante perché, anche se il protagonista affronta varie cose negative, queste sono raccontate in modo tale da non farle essere né leggere, in modo da essere affrontate a cuor leggero, né pesanti da diventare angoscianti. La Roth ha superato di gran lunga le mie aspettative. Non pensavo che potesse scrivere storie in modo così perfetto, ben curate, calcolate, sentite quasi dal profondo del cuore. Inoltre, il personaggio di Quattro viene sviluppato benissimo durante la storia: da che era un adolescente impotente di fronte al padre, diventa poi un uomo pronto ad amare, a proteggere la persona che ama, a tenere testa a quel bastardo del padre; lo vediamo affrontare scelte difficili, riflettere su cosa fare, lo vedrem. Inutile anche dire che mi sono affezionata tantissimo a Quattro e come potevo non farlo; la sua forza, il suo carattere, i suoi sentimenti, erano proprio adatti a lui, niente sembrava inappropriato. Come se l'autrice non stesse creando un personaggio ma lo stesse copiando dalla vita reale. Io... Io non riesco ancora a credere di aver letto di un personaggio così. Semplicemente non pensavo fosse possibile studiare una persona, e trasportarla in questo modo dalla mente alla carta. Pazzesco... Pazzesco(!). Anche per l'ambientazione non posso dire nulla di negativo: adoro gli Intrepidi, adoro il loro quartier generale, adoro come ce lo presenta la Roth. Completamente azzeccato. Non un solo albero fuori posto(!). 

Giudizio: do a questa raccolta di novelle 4 cuoricini. *Perché non 5 cuoricini?* Perché comunque bisogna considerare che è una raccolta di novelle e non una storia a sé con una trama unica e generale. E i 5 cuoricini preferisco tenermeli per quelle storie che mi fanno proprio battere il cuore e venire brividi su brividi.

Piccole fragoline di bosco, la recensione termina qui. Non dimenticatevi di farmi sapere nei commenti se avete letto questo libro o se volete farlo; cosa ne pensate? Vi è piaciuto o l'avete odiato? Tanti bacini e tanti tantissimi abbracci virtuali, ciao ciao!